Auguri Alessandro!

Frak! Oggi è il Compleanno di Alessandro Juliani! Auguri al miglior collaborazionista o infiltrato (scegliete voi) che ci sia!

Il Tenente Felix Gaeta vuole solo il bene della flotta e di tutto il genere umano e in virtù di questo ha fatto delle scelte drastiche, difficili, forti. E’ stato disposto ad accettare qualunque cosa, anche sentirsi riversare addosso l’odio di amici che conosce da una vita. Con il senno di poi tutti siamo bravi a giudicare ma se provate a mettervi nei suoi panni vi accorgerete che le sue scelte sono coerenti con il suo intento. Hanno cercato di sterminarti, hai lottato sacrificando qualsiasi cosa e poi dovresti accettare che ora quelle stesse persone/macchine dovrebbero essere chiamate amici. Come fai a non capire? Magari puoi non condividere le scelte ma non puoi far finta di non capire.

Attraverso le sue scelte Felix Gaeta ci ha regalato i momenti più intensi ed angoscianti di tutta la serie. Ci ha fatto affondare le unghie nel divano, ci ha fatto piangere e gridare come se fossimo lì in prima persona a vivere quei momenti di puro dramma. Ci ha fatto dimenticare di essere d’avanti ad un televisore o computer e ci ha scaraventati indietro di tanti anni quando eravamo bambini e bastava un’ombra nella stanza per farci battere forte il cuore.

Grazie Alessandro! Grazie per averci fatto piangere e disperare. Assieme agli sceneggiatori hai creato dei momenti di intensità indimenticabile che mai nessuna scena di nessun film o telefilm ci aveva mai fatto provare. Intensità che difficilmente potrà essere eguagliata anche in futuro. Grazie per le tue intense interpretazioni grazie alle quali sei riuscito a farci comprendere fino in fondo cosa provavi. Grazie per averci coinvolti fino al punto di farci sentire un lieve prurito ad una gamba. Grazie per averci mostrato quel tuo tatuaggio che nascondeva la determinazione nascosta in un uomo così mite, una manifestazione, un indizio che avrebbe dovuto farci capire di cosa saresti stato capace. Grazie per il modo in cui hai chiuso la serie, grazie ancora e ancora e ancora…

So say we  all!

Lascia un commento

Campi richiesti *.