Auguri Nicki!

Frak! Oggi è il Compleanno di Nicki Clyne! Auguri alla nostra piccola grande Cally!

Cally è la sottufficiale inesperta costretta a diventare grande e veterana in giovane età. Apparentemente debole, Cally diventa ciò che tantissimi membri dell’equipaggio della Galactica hanno dovuto imparare ad essere. Forte.

Tutti in Battlestar Galactica sono persone comuni scaraventate dagli eventi in una situazione più grande di loro. Chiamati ad essere molto più che semplici comparse della vita ma protagonisti dei momento più bui di tutta la storia dell’umanità. In quei momenti tutti devono imparare a fare del proprio meglio per contribuire alla salvezza. Cally è esattamente quello che fa. Lotta alla pari degli altri, si innamora e cerca di dare il massimo di se stessa.

Grazie Nicki! Grazie per averci ricordato che l’eroismo della gente comune conta quanto quello dei grandi e che il sacrificio dei molti, seppur a volte dimenticato, serve a garantire il benessere e la salvezza di chi rimane. Grazie per aver contribuito a rendere grande questa serie!

So say we all!

Addio Richard, sei stato e sarai sempre il nostro alfiere

So che saremmo dovuti essere tra i primi a darvi la notizia e in realtà saremmo potuti esserlo ma non è questo il motivo per cui esiste questo sito e questo fan club.

Noi esistiamo perché siamo appassionati di Battlestar Galactica e Richard Hatch era uno dei maggiori artefici del successo e dell’esistenza di questa magnifica serie. Per questo motivo ho dovuto attendere del tempo prima di riuscire ad assorbire il colpo e anche solo a pensare di sedermi e scrivere qualche riga in suo ricordo.

Nella testa sono passate le tante immagini di Richard che si vedono in rete, con il suo sorriso sincero e con una fitta al cuore sono tornato ai momenti passati assieme a Roma quando ci è venuto a trovare nel 2008 e poi agli attimi in cui, anni dopo, ha preso tra le mani quelle mie e della mia compagna e ci ha sposati nel nome degli Dei di Kobol. Era per gioco, ma è stato veramente intenso ed emozionante, accaduto all’improvviso dopo esserci rivisti a distanza di anni. Lui era così, sincero, autentico nel suo entusiasmo e vero e proprio amore per la serie. Ne parlava spontaneamente e con autentica passione.

Richard Hatch ha sostenuto Battlestar Galactica e l’amava così tanto da non poterne stare lontano. E’ per questo che, una volta capito che le intenzioni di Moore erano non solo buone ma che si incarnavano in un progetto serio, accettò di interpretare Tom Zarek. Un personaggio diventato memorabile e reso tale da un uomo altrettanto memorabile.

Sono passati due giorni dal suo addio e ancora non riesco a credere che ci abbia lasciati così all’improvviso. Nella mente si alternano immagini sue per come lo conoscevamo e quelle dei suoi personaggi con i quali si fondeva così profondamente tanto che, quando ci parlavi, a volte ti sembrava di parlare con Apollo, altre con Tom altre ancora con il fan più sincero e appassionato.

Ciao Richard, ti saremo per sempre grati per le emozioni che ci hai regalato. Buon viaggio!

Auguri Rekha!

Frak! Oggi è il Compleanno di Rekha Sharma! Il nostro assistente presidenziale preferito! O no?!?

Anche Tory rispecchia una delle peculiarità di BSG. Personaggi apparentemente secondari introdotti quando la  serie è avviata ormai da tempo, divengono protagonisti. Non so a quanti di voi sia simpatica Tory e credo che la risposta possa essere, con un buon margine di scurezza, nessuno. Tory per lungo tempo ha paura e quando scopre che non deve averne più cambia totalmente. Lei non ha la determinazione e la forza di Tigh forse perché non ha il suo passato e una così forte amicizia alle spalle. Tuttavia fa una scelta e in fin dei conti è una scelta di fedeltà.

Grazie Rekha! Grazie per aver fatto parte di BSG e contribuito alla sua grandezza. Anche se hai interpretato Tory… ti vogliamo bene!

So say we all!

Auguri Donnelly!

Frak! Oggi è il Compleanno di Donnelly Rhodes! Auguri al nostro grande dottore che diceva sempre… una sigaretta al giorno toglie il medico di torno!

E’ incredibile, non riesco mai a finire di sorprendermi di come questa serie si sia impuntata in maniera così maniacale sul politicamente scorretto. E’ tutto una provocazione e quindi non poteva mancare un medico anticonformista che fuma sempre e ovunque, anche in presenza di donne in cinta.

A parte questa piccola semi-comica parentesi, in effetti anche il dottor Cottle, senza dirlo mai apertamente, fa intendere perfettamente il suo punto di vista su tutta la situazione: “tanto per come siamo messi, vuoi negarmi una sigaretta? Davvero vuoi dirmi che il fumo uccide?”. Questo potrebbe benissimo essere l’estratto del suo pensiero. Pensateci bene, lo avete mai visto in tutta la serie disperarsi, perdere la calma, fare gesti inconsulti? Lo avete mai visto sopraffatto dallo stress? Magari dalla stanchezza ma mai dallo stress. Eppure sembra che sia l’unico dottore rimasto (almeno da quel che si è visto) e sicuramente non faceva altro che viaggiare in lungo e largo per tutta la flotta senza un attimo di tregua. Ci vuole un carattere non da poco per gestire tutto quello stress, l’aspettativa degli altri, le richieste, il poco tempo per se. Lui no, lui è stato una roccia. Stoico e con uno spirito di sacrificio unico in tutta la flotta.

Grazie Donnelly! Grazie per averci regalato un’altro storico dottore del mondo della fantascienza. Ho sempre pensato che il tuo personaggio avrebbe avuto da dire molto di più di quello che hai avuto modo di esprimere in tutta la serie. Grazie per esserti preso cura di tutti loro, amici o nemici che siano. Il tuo personaggio ha onorato la professione medica e la fantascienza.

So say we all!